70 anni Quercetti

Per chi è di Torino, come noi di Libermanet, il nome Quercetti è legato a doppio filo a quello della nostra città.

Era il 1950 quando l’azienda di Alessandro Quercetti ha iniziato a produrre giochi educativi per l’infanzia. Uno su tutti i mitici “Chiodini“, passatempo per tante generazioni, utili per allenare la motricità fine, la creatività e lo sviluppo cognitivo dei più piccoli.

Ma fate attenzione. Se il vostro ricordo, come il mio, è rimasto fermo alla versione storica dei chiodini, dalla caratteristica forma “a funghetto” da inserire sulla tavoletta bianca traforata, sappiate che ne è passata di acqua sotto i ponti. Ora in commercio si trovano chiodini “Junior”, con grandi bottoni colorati adatti alla fascia di età dai due anni in su, o “Pixel photo” per riprodurre ritratti e paesaggi (anche di grandi dimensioni) a partire dalla fotografia che si sceglie di caricare sul sito di Quercetti. Giusto per citarne un paio.

E che dire di “Rami” e “Pallino“? Altri due giochi educativi che hanno fatto storia, ora rivisti in chiave coding.

 

MADE IN ITALY TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

A 70 anni di distanza, lontana dalla prevalente logica di delocalizzazione, Quercetti mantiene l’unica sede produttiva a Torino, in corso Vigevano 25, preservando un controllo su tutta la filiera del giocattolo, dall’ideazione alla spedizione.

Come sottolinea l’azienda l’obiettivo, ieri come oggi, rimane «intrattenere i bambini con contenuti originali e intelligenti, tenendo ben a mente che ciò che più conta è il fornire attività che allenino le loro abilità e capacità».

Tra le tante proposte di Quercetti ne abbiamo selezionate un paio adatte per giocare con tutta la famiglia in queste belle giornate d’estate. Per trascorrere qualche ora sotto l’ombrellone o, perché no, da portare insieme in una gita in campagna.

 

IN VOLO CON SAETTA

Si chiama Saetta, come l’aereo pilotato da Alessandro Quercetti durante la seconda guerra mondiale, il modellino di aliante da lanciare a mano.

Facilissimo da montare è dotato di un puntale antiurto dove è possibile inserire due contrappesi per regolare la traiettoria e il percorso del volo. Per personalizzare Saetta si possono utilizzare gli adesivi in dotazione e una volta presa la mano l’aliante può volare oltre 15 secondi. Una divertente alternativa per trascorrere del tempo giocando all’aria aperta.

Il consiglio? Sarebbe utile rinforzare il vano che contiene i contrappesi: in atterraggio tende ad aprirsi con il rischio di perderli.

Età consigliata: dai 5 ai 14 anni
Prezzo al pubblico: 9.90 euro

 

DAI CASTELLI DI CARTE A PLAYFORM

 

Alzi la mano chi non ha mai giocato a fare castelli con le carte. Il principio di Playform è molto simile. Solo che al posto delle tradizionali carte da gioco nel kit di Quercetti si trovano 60 tessere in plastica trasparente dai colori fluo (20 piccole e 40 grandi) dotate di tasselli a incastro.

Scelta la giusta superficie dove erigere la costruzione nessun tremolio improvviso potrà farla cadere. Anzi, potrà essere spostata da un luogo all’altro senza il rischio di crolli o cedimenti strutturali. La mia bambina l’ha portato in spiaggia senza problemi, visto che il kit è leggerissimo e le tessere possono essere lavate in un attimo.

Nel gioco è contenuta una guida da cui trarre spunto per realizzare originali opere tridimensionali: ruote panoramiche, castelli, mulini a vento, animali, archi e velieri.
Con Playform serviranno solo un po’ di pazienza e di pratica per trasformarsi in abili architetti. E per i più audaci largo alla fantasia e alla creatività.

Età consigliata: dai 5 anni
Prezzo al pubblico: 14.90 euro