Costruzioni Creative: Playform

Le costruzioni sono un classico gioco sensoriale e di sviluppo cognitivo che appassiona i bambini ed aiuta a sviluppare ambiti di competenza trasversale: la lateralità, il pensiero spaziale, la coordinazione oculo manuale, la motricità fine, la capacità di progettare ed organizzare le azioni per realizzare un piccolo manufatto.  Abbiamo sperimentato “Play Form” di Quercetti,  un gioco di costruzioni “creative” fatte cioè di carte di plastica trasparente colorata e resistente, incastrabili le une con le altre.

Il classico gioco dei “castelli di carte” in una nuovissima versione dove le classiche carte da gioco sono sostituite da speciali tessere in plastica colorata che, grazie al particolare design degli incastri, permettono di costruire un mondo intero di strutture tridimensionali.
CI PIACE PERCHÉ: permette ai bambini di sperimentare costruzioni anche molto complesse e consente un gioco sia libero sia secondo schemi da seguire (come suggerito dalla guida in allegato). La flessibilità del gioco consente inoltre di far giocare insieme bambini di età diverse.

NELLA DIDATTICA: particolarmente utile per favorire le dinamiche del lavoro di gruppo è dividere la classe in due sottogruppi con l’obiettivo di realizzare un castello (o una costruzione a piacere) in un certo limite di tempo. I bambini dovranno quindi lavorare in modo coordinato per progettare, realizzare ed infine presentare la propria creazione. Questo materiale si rivela quindi un valido supporto concreto per includere bambini con diversa abilità, che possono maneggiare con sicurezza i pezzi e costruire al pari dei più esperti.
Si possono inoltre lanciare delle sfide connesse agli argomenti di studio: realizzare i solidi che si studiano in geometria, le costruzioni studiate in storia (lo ziqqurat, la piramide ecc). Il materiale è versatile e si presta ad infiniti utilizzi.

PER ACQUISTARE PLAY FORM SU AMAZON: Https://Amzn.to/3iSURrn
O sul sito di Quercetti: Https://Www.quercettistore.com/It/Giocattoli/Costruzioni/0340-Playform

Vai all'articolo originale