Cerca

Valori

LE REGOLE DEL GIOCO

Facciamo giocattoli per i bambini di tutto il mondo da molto tempo, e cerchiamo di farli bene, il meglio possibile convinti come siamo che nei primi anni di vita si mettono le fondamenta per tutti gli apprendimenti, le abilità e le conoscenze che si svilupperanno lungo l'arco della vita; pensiamo che il merito di questo enorme sviluppo nella prima infanzia è il gioco.

Per questo, ogni volta ricominciamo a imparare dai bambini, attratti dal loro modo di rapportarsi al mondo, di relazionarsi con il tempo e con lo spazio, di interagire con gli oggetti che li circondano tutti utilizzati come strumenti per conoscere o come attrezzi per fantasticare.

Accogliamo quindi la sfida, presente in ogni attività ludica, al senso e al luogo comune progettando giochi con frequenti scatti di fantasia non avendo mai paura di trasgredire e magari pensando ad inediti rapporti tra forme e funzioni.

Sappiamo, anche, che i giocattoli ben progettati e costruiti sono oggetti che i bambini tengono stretti in mano, li portano alla bocca e non li vogliono più lasciare perchè ne fanno un prolungamento della propria identità.

Ecco, noi vogliamo che la loro identità, quella dei bambini che giocano liberi da imposizioni, sia anche la nostra.

LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE

Quercetti reputa che la pubblicità televisiva, rivolta ai bambini sotto i 10 anni, non sia né opportuna né eticamente corretta. Il bambino è un soggetto debole, facilmente manipolabile, che va protetto e tutelato. L’acquisto di un giocattolo deve essere una scelta consapevole, presa da un adulto in grado di scegliere il meglio per il suo bambino. E agli adulti, l’Azienda, rivolge la sua comunicazione.